I venti della finanza / Puntata 1

cityoflondon

di Alyseo Partners (www.alyseopartners.com)

Alyseo Alternative Partners è uno studio di giovani professionisti indipendenti che studia e analizza i mercati finanziari con strategie altamente innovative. Su Equilibrio Instabile analizzerà ogni mese (brevemente) la situazione finanziaria globale. 

 

L’Europa a livello politico più debole degli ultimi 20 anni, offre ai suoi investitori i tassi di interesse più bassi di sempre. Qualcosa non torna e il mercato finanziario, nella sua eterogeneità, sta iniziando a scontare scenari caratterizzati da tassi più alti di quelli attuali. Le elezioni in Germania, in Francia, in Olanda si avvicinano e il debito pubblico dei paesi mediterranei (in primis quello italiano) continua a lievitare.

La BCE con le parole di Mario Draghi continua a promettere tassi bassi finché le condizioni economiche lo richiederanno. Ma l’incertezza politica crescente dell’Unione Europea si riversa in tutti i suoi organismi, BCE inclusa. La frammentazione e la mancanza di unità di vedute, se si protrarranno troppo a lungo, renderanno la Banca Centrale stessa e le sue politiche monetarie meno credibili. Il tutto si tradurrà, in primis, in una risalita dei tassi e in un indebolimento dell’euro nei confronti delle altre valute. Le soluzioni per tutelarsi esistono, quali per esempio una transazione dai bond a tasso fisso ai bond a tasso variabile.

E se le soluzioni esistono, è meglio cominciare a utilizzarle quando si manifestano i primi sintomi. E chi di finanza si occupa seriamente e senza conflitti di interesse tutti i giorni, ha il termometro pronto. Da tenere bene sotto controllo la misura di alcuni indicatori: spread, inflazione (soprattutto quella tedesca), prezzo del petrolio. Infine, oltre al termometro è bene tenere sempre a portata di mano il giusto mix di antibiotici, alcuni da prendere per profilassi preventiva, prima che si scateni l’epidemia.

 

 

I venti della finanza / Puntata 1ultima modifica: 2017-03-01T13:13:28+00:00da giacomo-giglio
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento