Il Parma festeggia la Coppa Uefa (1999)

Parma: la provinciale da sogno

    di Giuseppe Lupoli   Può una città di 170.000 abitanti, che ha sempre avuto la propria squadra nelle serie minori, competere con dei colossi nazionali ed internazionali per più di un decennio e riuscire pure, in diverse occasioni, ad averne la meglio? Sì, se si pensa al Parma degli anni Novanta e dei…

La deriva dei social network

  di Dalila Giglio    Ma come facevamo, prima? Come vivevamo quando gli altri non sapevano, 24 ore su 24, dove eravamo, con chi eravamo, cosa stavamo facendo, come la pensavamo in merito a una determinata questione, cosa ci piaceva e cosa no? Che senso aveva l’esistenza di ognuno di noi, quando la nostra vita…

Un ritratto di Friedrich Nietzsche.

Trump: lo “Zarathustra” del popolo

    di Giacomo Giglio   C’è qualcosa di sinistramente profetico nella vittoria di Trump: dovete immaginare quest’uomo di settant’anni, che vive in un alto grattacielo intitolato a suo nome e che ogni giorno si sveglia guardando dall’alto verso il basso la città più ricca e desiderata del mondo. Solo impersonando la sua volontà di…

In foto: la nazionale sovietica nel 1982

Calciatori russi in Italia: tanti flop e pochi top

  di Giuseppe Lupoli   Molti calciatori stranieri sono passati nel campionato italiano fino ad oggi. Fin dalle origini, il nostro calcio è stato segnato dalla presenza di figure che, arrivando da oltre confine, hanno portato cambiamenti in questo sport. Come non pensare alle origini inglesi del club più antico della Penisola (il Genoa) od…

La stretta di mano tra i due  competitors

Il duello: chi sono i due candidati?

di Vittorio Sabatini   Oggi, 8 novembre 2016, è la data fissata per l’Election Day più atteso di sempre. I toni usati per la corsa alla Casa Bianca sono stati molto aspri da ambo le parti, fin dalle primarie, con continui scambi di accusa da parte dei candidati in gioco per la carica. Ciò alla…

trumptribuna

Il male minore

  di Dalila Giglio   “Yes, we can. Sì, abbiamo potuto, per ben due volte, eleggere un Presidente giovane e afroamericano e adesso, allo stesso modo, possiamo eleggerne uno anziano e straricco o uno donna e moglie di un uomo che è stato a sua volta Presidente. È l’America, bellezza, il paese del sogno, quello…

cropped-pasolini.jpg

Pasolini, un ricordo: “Chi dice no cambia la storia”

di Marco Barone “Quelli che hanno cambiato la storia non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no”. Ed ha realmente ragione. La forza del no, della disobbedienza consapevole, del dissenso, del contrasto nei confronti di chi, protetto dallo scudo della propria arroganza, impone atti, decisioni, che sconvolgono…