Tony Blair, criminale di guerra?

Pubblichiamo di seguito un pezzo di Alessandro del Lago, uscito su www.ilmanifesto.it in data 07.07.2016   Il referendum sul Brexit ha avuto tra gli effetti più notevoli il discredito di gran parte del ceto politico inglese. Ora, il rapporto Chilcot dà una mazzata ulteriore alla credibilità di quella che un tempo era chiamata la «terza…

gina-10.jpg-lollobrigida-ok

Il decoro perduto

  di Dalila Giglio   L’abito non fa il monaco, si sa. Malgrado ciò, la neodirettrice di Raitre ha recentemente imposto ai conduttori dei TG un dress code decisamente misurato, più o meno nello stesso momento in cui l’Alitalia ha presentato le nuove divise per il personale di volo e di terra, ispirate allo stile…

London

Come l’Europa dovrebbe gestire Brexit

Il seguente scritto è la traduzione di un articolo apparso il 5 luglio sul Financial Times (“How Europe should respond to Brexit“) di Martin Wolf   Nell’ottobre 1996, mentre il lancio dell’euro si avvicinava, scrissi: “ La scelta all’orizzonte per il Regno Unito è tra l’essere dentro l’Unione Monetaria Europea o starne fuori. Questa diventerà…

Perchè lo Stato islamico colpisce durante il Ramadan

Il seguente articolo è una la traduzione di un articolo in lingua inglese apparso sul sito BBC (link: http://www.bbc.com/news/world-middle-east-36703874), a cura di Shiraz Maher.   Si ritiene che siano più di 160 i morti nel terribile attacco di domenica a Baghdad. E’ solo uno degli otto diversi attacchi che si ritiene siano stati effettuati dal cosiddetto…

bangladesh

Bangladesh: fabbrica del mondo e incubatrice di Jihad

Pubblichiamo di seguito un articolo del Sole 24 Ore, a firma Alberto Negri (4 luglio 2016)     Il massacro di Dacca ha fatto scoprire tragicamente al mondo e all’Italia che il Bangladesh non è soltanto una delle fabbriche del mondo, come già sapevamo, ma anche una filiale della Jihad globale. Sono le stesse vittime…

corte

L’Austria torna al voto: instabilità europea ai massimi

In foto: la Corte costituzionale austriaca   «Qualche volta un secondo voto non è la cosa peggiore del mondo», ha scritto su Twitter l’ambasciatore di Vienna in Israele Martin Weiss, offrendosi ironicamente di passare ai britannici che hanno detto addio all’Unione Europea «il numero di telefono della Corte costituzionale austriaca». In realtà la decisione dei…

eurozone

Europa al bivio: cambiare o perire

  L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea è uno di quegli eventi che segnano uno spartiacque: esiste un prima ed esisterà un dopo, esattamente come accaduto nel caso degli altri grandi eventi che hanno segnato questa burrascosa prima parte del XXI secolo (il crollo delle Torri, la guerra in Iraq, la grande recessione del 2008-09).…