Alessandro Siani è nato a Napoli nel 1975

Lo chiamavano Mister Felicità

  Alessandro Siani è nato a Napoli nel 1975   di Anna Iatì   Il nuovo Film di Alessandro Siani porta il titolo di “Mister Felicità”. Dal primo gennaio al cinema, si colloca primo nel box office italiano. Senza anticiparvi nulla della trama, si può dire che riprende alcuni temi del film “Il principe abusivo”,…

La paura è il vero collante della nostra società?

L’onnipresente Paura

  di Dalila Giglio     La sera dell’ultimo dell’anno bisesto e funesto appena trascorso, una sala cinematografica del torinese si è svuotata in seguito a uno scambio di sms, accompagnato da gesti, fra i membri di una famiglia magrebina, seduti ad alcuni posti di distanza gli uni dagli altri, avente ad oggetto (si saprà…

Il consumo di suolo ha spesso devastato le nostre campagne

La conservazione del territorio

    di Anna Iatì   È stata recentemente approvata a Quito (Ecuador) la nuova Agenda Urbana delle Nazioni Unite Habitat III. Al suo interno un punto di svolta è segnato nel suo documento costitutivo “Dichiarazione di Quito sulle città sostenibili e gli insediamenti umani per tutti” nel quale troviamo l’articolo 102 che sottolinea l’importanza…

Una scena tratta da "L'èconomie du couple", che in Italia uscirà con il titolo "Dopo l'amore"

Consigli dal 34° Torino film festival

di Nicolò Venturen   La cosa bella nel vivere un festival ricco come quello di Torino è che ogni visione ti lascia sempre qualcosa. Non solo per il film in sé, ma per l’esperienza di essere in un contesto diverso della semplice sala, in un luogo dove tantissimi appassionati si ritrovano consapevolmente a guardare opere…

Italia: un paese in cui le bufale spesso le ha spacciate chi governa.

Post-verità: una parola che significa molto poco

  Fonte: L’Espresso (Tommaso Cerno, 9 gennaio 2017)   C’è un dibattito in corso nel Paese delle balle di Stato, quello di Ustica e del caso Moro per capirci, che ha del surreale. Fior di intellettuali, giornalisti, politici, magistrati e salumieri, con l’aiuto della suocera, discutono sul fatto che l’Italia sarebbe entrata nell’era della post-verità. E…

Un vivaio molto florido

  di Giuseppe Lupoli   Spesso, quando si parla di settori giovanili all’avanguardia, vengono citate squadre straniere, che da moltissimi anni hanno investito nella crescita delle loro “promesse” e che riescono a portare molte di queste a giocare in prima squadra. Non è possibile non citare, in questo caso, la cantera del Barcellona o la…

Il buono-lavoro (voucher) è ormai il simbolo della precarietà lavorativa

Il lavoro offeso dal gioco al ribasso

  di Emanuele Felice (fonte originale: Repubblica, 3 gennaio 2017)   Mentre il ministro Martina annuncia la rapida entrata in vigore di un provvedimento riformista come il reddito di inclusione, nel mondo del lavoro i voucher si stanno imponendo come l’alternativa preferita all’assunzione a tempo indeterminato. Persino grandi Comuni come Torino e Napoli, governati da…

Platini nella finale con la Spagna all’Europeo del 1984 segna su punizione

Il risveglio dei galletti

di Giuseppe Lupoli   Fino al 1984, i Cugini d’Oltralpe non vinsero nulla nel calcio, a livello internazionale, né con i club né con la nazionale. Inoltre, la concorrenza di altri sport, in Francia, fu sempre molto forte; non bisogna dimenticare, infatti, che nel territorio transalpino nacquero il Tour de France, il Roland Garros a…